PPS al Convegno Food Sustainability 2020 – Osservatori Digital Politecnico di Milano

Si è tenuto a Milano in diretta streaming lo scorso 3 giugno il Convegno Finale dell’Osservatorio Food Sustainability del Politecnico di Milano. Focus dell’edizione di quest’anno:

  • le soluzioni di packaging parlante;
  • i modelli di redistribuzione delle eccedenze alimentari e degli sprechi;
  • le filiere corte sostenibili;
  • le Start-up AgriFood sostenibili.

La sostenibilità vien innovando! Informazione e circolarità, Chiavi di volta per una filiera più sostenibile e inclusiva.

I Dottori e Ricercatori del Politecnico hanno alternato le presentazioni dei risultati di ricerca agli interventi in sede di tavola rotonda di manager e figure istituzionali coinvolte in prima persona, sia per le aziende della domanda sia per quelle dell’offerta, nei processi di promozione della sostenibilità di filiera.

Lo studio e l’individuazione delle soluzioni di packaging innovativo ci ha coinvolti in modo diretto in quanto PPS, oltre ad essere sponsor dell’Osservatorio, è promotrice esclusiva per l’Italia di una innovativa soluzione di Smart Label basata su Barcode Dinamico.

Packaging Parlante e Tracciabilità di Filiera

Sulla base del framework di sostenibilità del packaging alimentare, messo a punto dai ricercatori durante la scorsa edizione dell’Osservatorio, anche quest’anno è stata portata avanti l’individuazione e lo studio di quelle soluzioni innovative in grado di garantire la sostenibilità degli imballaggi apportando un valore in termini di:

  • Riduzione dell’impatto ambientale;
  • Garanzia di qualità del prodotto;
  • Valore sociale apportato;

Per definizione il packaging viene definito “parlante” quando è in grado di far “parlare” il prodotto aumentando la quantità e la tipologia di informazioni comunicabili tramite l’adozione di diverse tecnologie.

I benefici di queste nuove tecnologie sono numerosi per gli attori di tutta la filiera e possono essere riassunti da un breve estratto dell’intervento della Prof.ssa Barbara Del Curto, Condirettore Scientifico dell’Osservatorio Food Sustainability:

Il packaging ‘parlante’ impatta sulla supply chain in molti modi facilitando una gestione ottimizzata del cibo nei diversi stadi, evitando lo spreco e migliorando tracciabilità, anticontraffazione, conservazione degli alimenti e monitoraggio delle temperature. Facilitando, poi, la comunicazione al consumatore delle date critiche e delle altre informazioni in etichetta.

Il nostro intervento: PPS – Smart Label con Barcode Dinamico

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ogni anno nel mondo, circa 600 milioni di persone, quasi 1 ogni 10 sul globo, è vittima di patologie di origine alimentare dovute alla cattiva conservazione di prodotti e generi alimentari.

Per questo PPS è promotrice esclusiva per l’Italia di un’innovativa Smart Label basata su Barcode Dinamico che, applicata al packaging primario, secondario o terziario, è in grado di monitorare la temperatura dei prodotti lungo tutta la filiera garantendo la qualità del prodotto secondo standard certificati.

Il nostro General Manager, Guido Gatti, ha presentato le caratteristiche e i benefici che la nostra Smart Label è in grado di apportare alla filiera durante la tavola rotonda dedicata al packaging.

Tali benefici concorrono a pieno con quelli evidenziati dal framework del Politecnico, in termini di impatto ambientale, sicurezza degli alimenti e apporto di valore sociale. Grazie al monitoraggio costante della temperatura, oltre a garantire la qualità degli alimenti, l’etichetta garantisce una riduzione degli sprechi e dei resi di prodotto nonché l’intera trasparenza di filiera in quanto connessa al Cloud ed integrabile alla Blockchain.

► Scopri di più sulla nostra Smart Label

Riduzione degli sprechi, redistribuzione delle eccedenze

Condotta su un campione rappresentante il 20% e il 34% del market share delle aziende della distribuzione e della ristorazione collettiva, la ricerca condotta dall’Osservatorio evidenzia l’impegno di queste ultime nel portare avanti numerose iniziative atte alla redistribuzione delle eccedenze e riduzione degli sprechi alimentari.

In particolare, è emerso che una delle pratiche più adottate è quella della donazione delle eccedenze. La totalità del campione difatti dichiara di effettuare già tale pratica in favore di banchi alimentari e organizzazioni no-profit. Altre azioni importanti a sostegno del riutilizzo delle eccedenze sono ad esempio la vendita dei prodotti prossimi a scadenza o quelli con difetti estetici a prezzi scontati e la donazione a strutture ospitanti animali (zoo, canili etc.).

Grazie alla ricerca, inoltre, è stato possibile individuare i principali fattori sia abilitanti che limitanti al processo di implementazione di tali pratiche virtuose in filiera. È emerso dunque che i principali driver sono rappresentati dal commitment del top management delle aziende e dalla pressione dell’opinione pubblica e dei media e viceversa, le principali barriere sono relative alla sostenibilità dei costi e alla strutturazione dei processi.

Particolare merito va riconosciuto agli hub contro lo spreco alimentare che giocano un ruolo fondamentale nel processo di sensibilizzazione al riutilizzo delle eccedenze. Milano è stata ospite nell’ultimo anno di un progetto dedicato riuscendo a recuperare ad oggi 120 tonnellate di eccedenze per un valore di quasi mezzo milione di euro.

Filiere Corte Sostenibili e Start-up AgriFood

Anche in materia di filiere corte sostenibili, quest’anno l’Osservatorio ha analizzato numerose realtà relative ai settori del lattiero-caseario e dei salumi individuando quattro modelli di short food supply chain distinti: Downstream Oriented, Fully Integrated, Information-Rich ed End-to-End che differiscono per prossimità relazionale, informativa e geografica.

Infine, secondo i dati di ricerca, tra il 2015 e il 2019 sono 1.158 le Start-up AgriFood sostenibili che perseguono almeno uno degli SDG (Sustainable Development Goals) contenuti nell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. L’Italia, con 53 startup di cui solo 7 sostenibili, rappresenta un mercato ancora limitato che raccoglie appena 300mila dollari rispetto ai 2,3 miliardi dollari globali raccolti (0,01% del totale).

► Scopri tutti i dati di ricerca e le analisi complete sul portale degli Osservatori del Politecnico di Milano

(Fonti: Osservatori.net – Osservatorio Food Sustainability, Politecnico di Milano | OMS, Organizzazione Mondiale della SanitàFood Safety)

Annuncio

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. Avatar
    Gina Littleton

    Hey! Would you mind if I share your blog with my
    twitter group? There’s a lot of people that I think would really appreciate your content.

    Please let me know. Many thanks

    1. Team PPS
      Team PPS

      Dear Gina,
      Of course, please feel free to share the blog on your Twitter Group.

      Best Regards,
      Price Performance Solutions Team

Rispondi a Team PPS Annulla risposta

Articoli correlati

Continua a leggere le NEWS e gli approfondimenti del mondo PPS

SCOPRI DI PIù

Richiedi una consulenza, il nostro team di permetterà di dialogare con i più grandi esperti mondiali per trovare la migliore soluzione di implementazione del tuo business

Chiudi il menu